12/07/2016 4.00

Giovani italiani avanti tutta

Da pochi minuti sono scesi in campo Gianluigi Quinzi ed Hernan Casanova, in uno dei match più attesi della seconda giornata dell’ATP di San Benedetto. Di questo match e di quello fra Giannessi e Lipovsek Puches sarà disponibile un resoconto più tardi.

La giornata si è aperta con la prova più che convincente di Edoardo Eremin opposto al francese Barrere. Il 22enne di Acqui Terme si è imposto 63 62 in meno di 70 minuti, con un tennis molto solido, sostenuto da un servizio spesso superiore ai 200 km/h. Con questo risultato Eremin la settimana prossima abbatterà il muro dei top 330. Intanto sul suo cammino a San Benedetto troverà uno tra Djere e Beck, con buone possibilità di aumentare il suo bottino di punti per la classifica mondiale. Al secondo turno della San Benedetto Tennis Cup approda anche lo sloveno Rola, che ha regolato 75 60 il qualificato austriaco Linzer e il kazako Popko che ha beneficiato del ritiro del belga Reuter, mentre era avanti 2-0 nel terzo set.

Continua la sua avventura al Maggioni anche il siciliano Salvatore Caruso che ha battuto nettamente Facundo Arguello, testa di serie numero 3 del torneo. Dopo aver vinto d’autorità il primo parziale chiudendo il set con 2 ace nel decimo gioco, Caruso è stato bravo a restare sempre in scia dell’argentino anche nel secondo per poi fare il break nel settimo game e chiudere l’incontro di lì a poco. Giovedì affronterà il vincente del match ora in corso fra Quinzi e Casanova.